Cambia mentalità, scegli il business coaching

Cosa succede spesso nel business?
Vengo contattato da una nota azienda del territorio, l’azienda è molto conosciuta ed apprezzata nel settore, anche da chi non ne fa parte.
Vengo accolto dall’amministratore in un lussuosissimo ufficio (le dimensioni del suo ufficio sono come un appartamento). Il lavoro ha avuto inizio più di tre mesi fa, con l’affiancamento al titolare con altri tre soci. Iniziamo con i test e lo sviluppo di vari lavori migliorativi dedicati al rapporto tra di loro e con gli altri collaboratori dell’azienda, solo il direzionale sono una decina di persone. Qualche giorno fa, mi contatta la segretaria personale dell’amministratore chiedendomi la  disponibilità per recarmi in azienda perché richiedono un mio supporto urgente. Dopo qualche giorno mi reco da loro e Umberto* (l’amministratore ) mi espone che da ben tre anni stanno sviluppando un progetto ma per svariati motivi questo progetto non parte, rimane tutto bloccato.
Matteo mi aiuti a capire come fare partire il progetto? Certo che sì Umberto !
Iniziamo un lungo lavoro che ci impegna una giornata intera…
Iniziamo con una serie infinita di domande, domande che necessitano di forte impegno riflessivo e valutativo, pause e silenzi infiniti. nel mentre rafforziamo il tutto con una serie di esercizi specifici e il tutto scritto con carta e penna blu dall’amministratore.
Il valore economico del progetto da decidere corrisponde alla modica cifra di DUE MILIONI DI EURO, DICO DUE MILIONI DI EURO, il tutto fermo da più di 3 anni…
Sai quali sono state alcune delle  domande che hanno portato a lunghi silenzi con riflessioni molto impegnative?
Ti sei confrontato con tutti i e tre i tuoi soci?
Umberto= no, solo con due
Perchè solo con due?
U= perché credevo che l’altro socio non fosse così importante nell’azienda
Quando hai realizzato il progetto, quali vantaggi può portare alle persone della tua azienda? E in termini economici?
U= non saprei, perchè dei vantaggi alle persone non è che mi riguardi molto. A livello economico non saprei.
Perchè desideri realizzare questo progetto?
U= perché mio padre ne sviluppò uno simile 15 anni fa e per ben 10 anni ha avuto un discreto successo
Ok, ma il successo che ha avuto è stato economico e ha portato valore alle persone che compongono la tua azienda?
U= no, però tanta gente diceva che è stato bravo a realizzare quell’idea
Ok, ma il progetto di tuo padre, perché ora non c’è più?
U=non saprei però io lo voglio rifare come lo ha fatto lui.
Ricorda bene, prima di sviluppare un progetto o un obiettivo valuta tre fattori molto importanti + uno:
Che sia condiviso ed accettato anche da chi condivide con te l’azienda
Che soddisfi la felicità e il desiderio delle persone che collaborano con te, perchè le persone sono importanti!
I tempi ora sono diversi, i progetti hanno bisogno di mentalità diverse, quelle che rispettino l’etica aziendale e del mercato.
che la resa economica è importante quasi quanto l’orgoglio
Il lavoro è proseguito sino alle ore 19 di quella giornata, è stato completamente reimpostato con nuovi concetti, etica e rispetto. Ci siamo accordati che U definisse una riunione ben preparata, specifica, dettagliata e descrittiva nei minimi particolari con gli altri tre soci per poi discuterne con loro sino a condividere e rispettare le loro idee. Il nostro incontro è avvenuto nuovamente a distanza di 7 giorni, stavolta riunito al tavolo con U e i tre soci con uno sguardo sorridente ricoperto da una grossa soddisfazione per aver condiviso un progetto dalle nuove vesti molto ambiziose, impegnando un capitale economico molto rivisto e riproporzionato, risparmiando un 30% netto di investimento, calcolando margini economici, coinvolgimento più persone molto collaborative nel nucleo aziendale.
* Umberto  è un nome di fantasia per rispetto della privacy

Add A Comment


Iscriviti alla mia Newsletter!